X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rischio IRAP per il professionista a capo della struttura esterna

I giudici hanno introdotto un ulteriore elemento di valutazione: l’eventuale ruolo apicale rivestito all’interno della struttura operativa altrui

/ Alessandro BORGOGLIO

Lunedì, 13 novembre 2017

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non è soggetto ad IRAP il professionista inserito in una struttura operativa altrui, qualora non ne detenga la personale disponibilità, assumendo però rilievo, ai fini della valutazione di tale disponibilità, anche l’eventuale ruolo apicale da lui rivestito all’interno della medesima. È questo l’importante principio desumibile dall’ordinanza della Cassazione n. 25245/2017.

Si ricorda, innanzitutto, che le Sezioni Unite (Cass. n. 9451/2016) hanno ormai definitivamente stabilito che il requisito dell’autonoma organizzazione, presupposto impositivo dell’IRAP, ricorre quando il contribuente: sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell’organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU