Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

FISCO

Compensazioni rapide per il credito emergente dalla dichiarazione IVA

Il credito può essere utilizzato già a decorrere dal decimo giorno successivo alla presentazione del modello

/ Emanuele GRECO e Massimo NEGRO

Martedì, 2 gennaio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

La nuova dichiarazione IVA, il cui modello e le cui istruzioni sono state pubblicate il 22 dicembre 2017 in bozza, consente la compensazione “libera” del credito IVA solamente per importi non superiori a 5.000 euro.
La novità deriva dalle modifiche apportate dall’art. 3 del DL 50/2017 (conv. L. 96/2017) all’art. 10 comma 1 n. 7) del DL 78/2009, il quale disciplina i limiti alle compensazioni dei crediti IVA.
Al di sopra dell’importo di 5.000 euro, per compensare “orizzontalmente”, è infatti richiesto il visto di conformità sulla dichiarazione IVA o la sottoscrizione alternativa da parte dell’organo di controllo contabile.

Inoltre, il novellato art. 17 comma 1 del DLgs. 241/97 introduce la possibilità di compensare il credito IVA annuale, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU