X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sanzioni per l’abuso del diritto anche per il passato

Non rileva che l’art. 10-bis della L. 212/2000 operi solo per il futuro

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 3 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 10-bis della L. 212 del 2000, introdotto dal DLgs. 128/2015, che sostituisce il previgente art. 37-bis del DPR 600/73, disciplina il fenomeno dell’abuso del diritto (o elusione fiscale) e qualifica “abusive” le operazioni prive di reale sostanza economica.

Si tratta, quindi, di operazioni formalmente rispettose delle norme fiscali, che tuttavia realizzano in concreto vantaggi fiscali indebiti, contrastanti con le norme e i principi dell’ordinamento. Le norme coinvolte nel comportamento abusivo non vengono direttamente violate, ma, per così dire, aggirate per trarre un vantaggio. Queste operazioni non sono opponibili all’Amministrazione, che ne disconosce i vantaggi indebiti.
La nuova disciplina dell’abuso del diritto, inoltre, presuppone espressamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU