X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

IL CASO DEL GIORNO

L’individuazione dei regimi fiscali privilegiati speciali resta incerta

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Mercoledì, 4 aprile 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il continuo sovrapporsi, negli ultimi anni, di interventi normativi e di prassi atti a modificare e precisare la nozione di Stati a fiscalità privilegiata sta creando non pochi problemi agli operatori, avuto riguardo anche e soprattutto alla possibilità che gli utili prodotti da società residenti o localizzate in contesti non inclusi nella black list di cui al DM 21 novembre 2001 siano divenuti improvvisamente “problematici”.

A decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2015, e quindi generalmente dal 2016, i criteri di identificazione dei regimi fiscali privilegiati anche speciali fissati dall’art. 167 commi 1 e 4 del TUIR operano non solo ai fini dell’applicazione della disciplina CFC, nella sua declinazione black, ma anche per ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU