X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Alla cassa per l’acconto IMU/TASI anche le imprese

Per i fabbricati del gruppo D la base imponibile si determina applicando coefficienti di adeguamento ai costi storici di acquisto o costruzione

/ Stefano SPINA

Martedì, 5 giugno 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’acconto IMU e TASI per l’anno 2018 è dovuto anche con riferimento agli immobili di proprietà o detenuti dalle imprese, ad eccezione dei beni merce, per i quali la legge di stabilità per il 2016 non ha apportato particolari modifiche.

Come per gli altri anni un tema particolare è rappresentato dai fabbricati ancora sprovvisti di rendita.
Infatti, a partire dal 1° gennaio 2007, per effetto dell’abrogazione dell’art. 5 comma 4 del DLgs. 30 dicembre 92 n. 504 da parte dell’art. 1 comma 173 lett. a) della L. 296/2006, per la generalità dei contribuenti soggetti prima all’ICI e successivamente all’IMU (e anche TASI) non è più stato possibile assumere a riferimento per la determinazione della base imponibile la rendita di fabbricati similari (c.d. “rendita ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU