Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 febbraio 2023

FISCO

I chiamati all’eredità non rispondono dei debiti del de cuius

Dell’obbligazione tributaria è responsabile l’erede che abbia accettato l’eredità

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 31 maggio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 13639, depositata ieri, la Cassazione ritorna sul tema della delazione ereditaria e della responsabilità dei chiamati all’eredità per i debiti tributari del de cuius, maturati durante la sua permanenza in vita.
Per la Suprema Corte, il chiamato all’eredità non risponde di tali debiti tributari, ancorché l’atto impositivo sia stato notificato dopo l’apertura della successione e sia divenuto definitivo prima della rinuncia alla successione, poi validamente esercitata dagli eredi.

Nel caso in esame, l’Amministrazione finanziaria, immediatamente dopo la morte del contribuente debitore, aveva notificato gli atti impositivi a coloro che, non avendo ancora espresso la volontà di accettare o rinunciare all’eredità, rivestivano la qualità di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU