X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Uso delle retribuzioni convenzionali ai fini contributivi con limiti

Per la Suprema Corte, l’art. 51 comma 8-bis del TUIR esplica i propri effetti esclusivamente ai fini fiscali

/ Andrea COSTA

Martedì, 5 giugno 2018

In un mercato sempre più globalizzato, la mobilità transnazionale dei lavoratori trova impulso non solo da esigenze economiche contingenti, ma anche da apposite politiche di espatrio studiate attentamente per sviluppare il business in mercati esteri, ovvero per favorire l’acquisizione di competenze del personale in contesti territoriali differenti.

In un tale scenario la definizione chiara delle norme che regolano il rapporto lavorativo e le connesse obbligazioni fiscali e previdenziali assume una rilevanza tale da orientare le scelte strategiche aziendali.
Limitando le problematiche connesse all’assegnazione transnazionale del lavoratore dipendente assunto in Italia ai risvolti previdenziali, un acceso contrasto interpretativo è sorto in merito alle ipotesi di utilizzo delle retribuzioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU