X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dopo l’estinzione, a rischio la domanda di rimborso presentata dalla società

L’effetto si verifica indipendentemente dalla circostanza che il credito sia stato esposto nel bilancio di liquidazione

/ Andrea CARINCI

Lunedì, 2 luglio 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’estinzione delle società costituisce una vicenda con molti margini di incertezza, il primo dei quali è proprio il carattere relativo che la stessa può assumere. Almeno ai fini tributari.

Ai sensi dell’art. 28 del DLgs. n. 175/2014, ai fini della validità e dell’efficacia degli atti di liquidazione, accertamento, contenzioso e riscossione dei tributi, l’estinzione della società ha effetto trascorsi cinque anni dalla richiesta di cancellazione del Registro delle imprese. Si determina un fenomeno di “crioconservazione” della società che, pur estinta in quanto cancellata dal Registro delle imprese, a (taluni) fini fiscali è considerata esistente.
Per effetto di tale previsione, la cancellazione della società dal Registro delle imprese diventa una vicenda dagli ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU