X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 novembre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Senza benefici intervenire ora sulla scadenza del 20 agosto

Per Assosoftware impossibile modificare i programmi e la misura, condivisibile se effettuata mesi prima, rischia di creare solo confusione

/ REDAZIONE

Venerdì, 10 agosto 2018

L’ipotesi di modificare i versamenti rateali delle dichiarazioni dei redditi evitando la “doppia rata” di agosto per le partite IVA rischia, per Assosoftware, di mettere tutti in difficoltà e di fatto senza alcun beneficio.

Si ricorda che, per particolari convergenze di calendario, i titolari di partita IVA che intendono usufruire della dilazione con la maggiorazione dello 0,4% e del pagamento rateale, in riferimento al saldo 2017 (IVA, imposte dirette e IRAP) e al primo acconto 2018, devono versare sia la prima che la seconda rata entro il 20 agosto 2018 (si veda “Versamento differito del saldo IVA 2017 fino al 20 agosto” del 19 giugno 2018).

Sul tema, il 31 luglio scorso è intervenuta la Commissione Finanze e tesoro del Senato, che ha approvato all’unanimità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU