X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Estrazione dal deposito IVA nei dati delle liquidazioni periodiche

/ Emanuele GRECO

Venerdì, 10 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risoluzione ministeriale n. 198 del 21 dicembre 2000 ha descritto le modalità di registrazione delle fatture nel caso in cui un soggetto passivo provveda ad introdurre in un deposito IVA beni di provenienza extra Ue (oggetto di immissione in libera pratica in Italia) e successivamente ad estrarli.

Poiché il soggetto passivo che procede all’estrazione dei beni dal deposito IVA coincide con colui che ha effettuato l’immissione in libera pratica con introduzione dei beni nel deposito IVA, ai sensi dell’art. 50-bis comma 6 del DL 331/93 e dell’art. 4 del DM 23 febbraio 2017, è applicabile il meccanismo del reverse charge e l’estrazione è effettuata mediante l’emissione di autofattura ex art. 17 comma 2 del DPR 633/72.
La suddetta autofattura, necessaria

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU