X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 22 ottobre 2018 - Aggiornato alle 6.00

Economia & Società

Alimenti ricchi di fitoestrogeni contro i sintomi legati alla menopausa

In assenza di particolari controindicazioni, utile introdurre nella dieta soia, semi di lino, di zucca, di sesamo, di girasole, sedano, rabarbaro e fagiolini

/ FONDAZIONE UMBERTO VERONESI

Martedì, 11 settembre 2018

L’aspettativa di vita si allunga e le donne, in Italia, raggiungono in media gli 85 anni d’età. Con la fine dell’età fertile, a partire in genere dai 50 anni, una donna quindi si troverà per una parte importante della sua esistenza a convivere con le condizioni tipiche della menopausa.
Una fase del tutto fisiologica, che però comporta cambiamenti a volte difficili da affrontare, legati al brusco calo di ormoni femminili, gli estrogeni. Fra i più comuni, stanchezza, vampate di calore, emicranie, osteoporosi, sbalzi d’umore, depressione, ansia, aumento di peso e dei livelli di colesterolo, trigliceridi e glicemia.

Anche l’alimentazione, insieme al movimento regolare, rappresenta un alleato prezioso per star bene, ad esempio per mantenere il peso sotto controllo, contrastando

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU