X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 22 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Senza conseguenze l’errore «reddituale» del sostituto d’imposta

Dichiarare il provento tra i redditi d’impresa piuttosto che di lavoro autonomo può essere irrilevante

/ Caterina MONTELEONE

Lunedì, 8 ottobre 2018

Nel caso in cui un contribuente riceva un avviso di accertamento in quanto, a causa di un errore di compilazione commesso dal sostituto di imposta, le somme da questi corrisposte a titolo di provvigioni sono state riportate nel modello 770 erroneamente indicando la causale D (corrispondente ad utili spettanti ai soci promotori e ai soci fondatori delle società di capitali) anziché quella corretta R (relativa a provvigioni), non possono esserci, nella sua sfera giuridica, conseguenze pregiudizievoli.

Con la sentenza C.T. Prov. Frosinone 20 luglio 2018 n. 512/2/18 i giudici hanno infatti affermato che “a prescindere dall’errore di compilazione in cui sarebbe incorso il sostituto di imposta, tale errore si pone come meramente formale e non determina alcuna minore imposizione o sottrazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU