ACCEDI
Martedì, 16 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cessioni INTRA «assimilate» al bivio fattura elettronica

Da confermare se possono essere escluse in quanto operazioni destinate a una posizione IVA in un altro Stato Ue

/ Fabio Tullio COALOA e Emanuele GRECO

Venerdì, 19 ottobre 2018

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’entrata in vigore degli obblighi di fatturazione elettronica, dal 1° gennaio 2019, ci si interroga in merito all’applicabilità dei nuovi obblighi rispetto al trasferimento, da parte di un soggetto passivo nazionale, di beni mobili in un altro Stato Ue per finalità rientranti nell’esercizio della propria impresa.

Si tratta di un’operazione “assimilata” alle cessioni intracomunitarie, in regime di non imponibilità IVA, ai sensi dell’art. 41, comma 2, lett. c) del DL 331/93, per la quale ricorre l’obbligo di emissione della fattura, con l’indicazione del numero di identificazione attribuitogli in altro Stato membro ex art. 46 comma 3 del DL 331/93 (elemento necessario per effettuare l’acquisizione INTRA nello Stato Ue di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU