X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il neo amministratore chiede il fallimento della srl

La nomina e la revoca sono efficaci anche prima dell’iscrizione nel Registro delle imprese

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 27 novembre 2018

In caso di revoca assembleare dell’amministratore di una srl, con contestuale nomina del nuovo amministratore, è da riconoscere a quest’ultimo, e non già al primo, la possibilità di presentare istanza di fallimento della società in proprio, ex art. 6 del RD 267/1942, nonostante la nomina e la revoca relative non siano state ancora iscritte nel Registro delle imprese.
È questo il principio di diritto sancito dall’ordinanza n. 30542 della Cassazione, depositata ieri.

Il caso di specie atteneva al fallimento di una srl dichiarato (il 2 marzo 2015) in esito a una richiesta in proprio presentata dall’amministratore unico (e titolare del 95% del capitale sociale) il 23 febbraio 2015. La srl, poco dopo, chiedeva la revoca del fallimento per due ragioni. Innanzitutto, perché l’istanza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU