X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dal riclassamento di microzone devono evincersi qualità urbana e ambientale

Il provvedimento di revisione dev’essere adeguatamente motivato, in modo da porre il contribuente nella condizione di conoscerne le concrete ragioni

/ Antonio PICCOLO

Mercoledì, 16 gennaio 2019

La Corte di Cassazione, con una serie di pronunciamenti, l’ultimo dei quali è l’ordinanza n. 32488/2018, ha fermamente e definitivamente stabilito che per le revisioni massive sui classamenti dei fabbricati, effettuate su interi quartieri comunali (c.d. “microzona”), non è sufficiente lo scostamento matematico tra valori catastali e valori di mercato, dovendo invece essere considerati altri fattori come, ad esempio, la qualità urbana e ambientale della “microzona”.

In altre parole, secondo il consolidato principio di diritto, la revisione parziale del classamento delle unità immobiliari di proprietà privata ubicate nelle microzone comunali (fabbricati classificati nei gruppi catastali A, B e C), come previsto dal comma 335 dell’art. 1 della L. n. 311/2004 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU