X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 15 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Competenza del giudice legata all’ente locale anche se riscuote l’Agente della riscossione

La Suprema Corte ha applicato i principi della sentenza della Consulta n. 44/2016

/ Antonino RUSSO

Martedì, 22 gennaio 2019

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 30054/2018, ha sostanzialmente indicato l’ineludibilità del criterio, introdotto dalla Corte Costituzionale, secondo cui l’esame di un atto dell’Agente della riscossione – recante l’iscrizione a ruolo di tributi locali – debba essere affidato alla Commissione tributaria della Provincia ove ha sede il Comune creditore e non l’Agente della riscossione.
Tale principio non vale solo per i concessionari locali iscritti all’albo dell’art. 53 del DLgs. 446/97, ma anche per l’Agente della riscossione “nazionale”, ossia Agenzia delle Entrate-Riscossione.

Il processo sorgeva a seguito di un ricorso alla C.T. Prov. Roma avverso una cartella di pagamento emessa da Equitalia Gerit-Agente della Riscossione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU