Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 febbraio 2023 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Indipendenza dell’organo di controllo anche con nomina dell’assemblea

Un eventuale meccanismo di nomina a sorteggio presenterebbe alcuni aspetti negativi: i soci devono poter riporre la massima fiducia nei sindaci

/ Fabrizio BAVA e Alain DEVALLE

Lunedì, 4 febbraio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La recente approvazione del Codice della crisi d’impresa è stata anche l’occasione per accendere il dibattito, mai sopito, sull’opportunità o meno che sia il controllato a scegliere il proprio controllore, in quanto tale meccanismo potrebbe minare l’indipendenza degli organi di controllo.

Sui quotidiani specializzati si è sostenuto che sarebbe opportuno prevedere un meccanismo di nomina attraverso il sorteggio anche per le società private, come già avviene per i revisori degli enti locali, introducendo in parallelo delle tariffe al fine di consentire la definizione del compenso. Il consigliere del CNDCEC Raffaele Marcello è intervenuto nel dibattito affermando che tale proposta “non convince appieno”, considerati i numerosi fattori a salvaguardia dell’indipendenza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU