X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 marzo 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Atto valido anche senza valutazione espressa delle osservazioni al PVC

Secondo la Cassazione, infatti, è sufficiente una mera valutazione delle difese

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Martedì, 5 febbraio 2019

È valido l’avviso di accertamento anche se l’Ufficio non esplicita le proprie valutazioni in merito alle osservazioni difensive prodotte dal contribuente a seguito della notifica del PVC. La mancata esplicitazione delle valutazioni dell’Agenzia delle Entrate sulle difese del contribuente non costituisce, infatti, una violazione dell’art. 12, comma 7 della L. 212/2000, tale da giustificare l’annullamento dell’avviso.
È questo il principio che si desume dalla lettura della recente sentenza della Cassazione n. 1778 del 23 gennaio 2019.

Nel caso di specie, il contribuente aveva lamentato, sin dal primo grado di giudizio, che l’Agenzia delle Entrate non avesse, in sede di avviso di accertamento, fornito alcun riscontro in merito alle osservazioni difensive ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU