ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

CIGS in solidarietà ex novo per l’azienda subentrante nell’appalto

Per il Ministero del Lavoro il conteggio dei limiti di durata massima dei trattamenti straordinari deve essere riferito al nuovo soggetto

/ Luca MAMONE

Sabato, 9 febbraio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’interpello n. 1/2019 pubblicato ieri, il Ministero del Lavoro è intervenuto con riferimento alla durata del contratto di solidarietà qualora subentri un nuovo datore di lavoro in regime di cambio appalto, chiarendo che il periodo massimo di fruizione del trattamento straordinario di integrazione salariale (CIGS) previsto dall’art. 22 comma 3 del DLgs. 148/2015, pari a 36 mesi in un quinquennio mobile, comincia a decorrere ex novo per l’azienda subentrante.

In via preliminare, va ricordato come l’art. 21 del DLgs. 148/2015 indichi il contratto di solidarietà nel novero delle causali di intervento della CIGS, che comprende anche la riorganizzazione aziendale nonché la crisi aziendale, ad esclusione, a decorrere dal 1° gennaio 2016, dei casi di cessazione dell’attività

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU