X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dichiarazioni di origine su fattura da soggetti Uk valide anche dopo il 30 marzo

Condizione necessaria è che esse siano state debitamente rilasciate entro il 29 marzo 2019 e la relativa esportazione sia avvenuta entro tale data

/ Pier Paolo GHETTI e Nicola SCALA

Mercoledì, 13 marzo 2019

In vista del 29 marzo 2019 – ultimo giorno in cui il Regno Unito sarà a tutti gli effetti uno Stato membro dell’Unione europea – la Commissione ha pubblicato la nota di orientamento dell’11 marzo scorso nella quale illustra in maniera sintetica i risvolti doganali che una cosiddetta no deal Brexit (ovvero il recesso del Regno Unito dalla Ue senza che si raggiunga un accordo fra le parti circa l’adozione di un periodo transitorio che consentirebbe l’estensione dell’applicazione di tutta la normativa Ue anche all’Uk fino al 31 dicembre 2020) avrebbe negli scambi commerciali fra l’Ue e Uk.

Dal 30 marzo prossimo (salvo proroghe concordate fra Regno Unito e Ue circa i termini previsti dall’art. 50 del Trattato sull’Unione europea), l’Uk ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU