X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Polizze unit linked nulle se manca il rischio demografico

Per la Cassazione, la valutazione deve considerare l’ammontare del premio versato, l’orizzonte temporale e la tipologia dell’investimento

/ Cecilia PASQUALE

Mercoledì, 20 marzo 2019

La sentenza della Corte di Cassazione n. 6319 del 5 marzo 2019 aggiunge un elemento decisivo al dibattito sulla natura delle polizze unit linked, qualificandole come strumenti “a causa mista” (assicurativa e finanziaria), la cui componente assicurativa deve rispettare i requisiti richiesti dalla legge, compresa la presenza del cd. rischio demografico.

Le polizze “linked” sono assicurazioni sulla vita in cui l’erogazione del capitale all’assicurato è collegata “al valore di quote di organismi di investimento collettivo del risparmio o di fondi interni ovvero a indici o ad altri valori di riferimento” (ramo III delle polizze vita, ai sensi dell’art. 2 comma 1 del DLgs. 209/2005).

La natura di questi strumenti è dibattuta in ragione del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU