X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Omologazione anche con diniego dell’Amministrazione

Il Codice della crisi estende le regole del cram down se la proposta è conveniente rispetto alla liquidazione giudiziale

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 21 marzo 2019

Il DLgs. 12 gennaio 2019 n. 14 (CCII), che ha introdotto il Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, contempla, tra le numerose novità, una peculiare procedura di omologazione riservata agli accordi di ristrutturazione dei debiti e alla nuova figura del c.d. concordato minore in presenza di una condotta di dissenso da parte dell’Amministrazione finanziaria.

Per quanto attiene agli accordi di ristrutturazione dei debiti, viene in rilievo l’art. 48 del DLgs. che, in sede di disciplina del procedimento unitario di regolazione della crisi, regola il procedimento di omologazione anche degli accordi di ristrutturazione dei debiti.
L’art. 48 comma 5 del Codice, in particolare, stabilisce che il tribunale omologa gli accordi di ristrutturazione “anche in mancanza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU