X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ruoli da valutare caso per caso nella definizione delle liti pendenti

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la corposa circolare che analizza l’istituto ex art. 6 del DL n. 119/2018 nei suoi aspetti essenziali

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 2 aprile 2019

L’art. 6 del DL 119/2018 ha previsto una definizione delle liti pendenti rientranti nella giurisdizione tributaria in cui è parte l’Agenzia delle Entrate, nella misura in cui il ricorso introduttivo sia stato notificato alla controparte entro lo scorso 24 ottobre 2018.
Tale definizione può comportare non solo lo stralcio di interessi e sanzioni, ma anche uno sconto sull’imposta, che, a seconda del grado in cui ci si trova, e avendo riguardo alle sentenze depositate al 24 ottobre 2018, può essere dal 10% al 95%.

Ieri, l’Agenzia delle Entrate ha diramato la corposa circolare n. 6, in cui l’istituto è stato analizzato nei suoi aspetti essenziali. Per molti aspetti, la circolare riprende chiarimenti resi in occasione delle pregresse definizioni, ex artt. 16 della L. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU