X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 22 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Ritenute sui dividendi intra Ue solo nei casi di abuso

Solo in presenza di costruzioni non genuine si giustifica il diniego dei benefici delle direttive, anche se la Corte Ue non ha sciolto tutti i dubbi

/ Luca MIELE

Mercoledì, 17 aprile 2019

Verifica dello status di beneficiario effettivo in caso di pagamenti intra Ue di dividendi e divieto di pratiche abusive sono concetti che rischiano di “confondersi”: è quanto si desume anche dalla lettura delle c.d. “sentenze danesi” della Corte di Giustizia dell’Unione europea del 26 febbraio 2019.

Secondo il Commentario al modello OCSE, anche nella sua versione del 2017, il diretto percipiente di dividendi è considerato beneficiario effettivo al ricorrere di due presupposti:
- i proventi devono essere a lui fiscalmente imputabili nel suo Stato di residenza;
- il percipiente deve disporre del potere di impiego e godimento dei dividendi stessi, escludendo quindi da tale qualità le società conduit e le società che dispongono di poteri così ridotti da essere mere fiduciarie

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU