X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Ancora debole l’inflazione dell’Eurozona

I tassi sono comunque saliti allontanandosi dai minimi ma restano storicamente bassissimi in termini reali

/ Stefano PIGNATELLI

Giovedì, 18 aprile 2019

L’inflazione della zona euro nel mese di marzo conferma il dato preliminare e le attese con un +1,4% tendenziale e 1% congiunturale. L’inflazione è risultata in lieve calo rispetto al mese di febbraio (1,5%), rallentata dal dato dell’inflazione “core”, cioè quella calcolata al netto delle componenti più volatili legate all’energia e all’alimentare fresco, salita a livello tendenziale solo dell’1% da 1,2% di febbraio, dato più debole da aprile 2018.

Sicuramente la Bce non è soddisfatta dell’andamento dell’inflazione “core” e non è escluso che ciò possa portare a una revisione al ribasso dell’inflazione attualmente all’1,2% e 1,5% per l’anno in corso e per il prossimo. Per vedere tornare l’inflazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU