X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 21 luglio 2019

FISCO

L’invio tardivo della lettera di intento può essere violazione formale

Riconosciuta l’applicabilità della sanzione fissa anche nella disciplina previgente

/ Mirco GAZZERA e Emanuele GRECO

Mercoledì, 15 maggio 2019

Secondo quanto sancito nella sentenza n. 209/21/18 della Commissione tributaria regionale della Lombardia, costituisce una violazione di carattere “formale” quella commessa dal fornitore che ha effettuato tardivamente la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alla dichiarazione d’intento ricevuta dall’esportatore abituale, così come prevedeva la disciplina in materia anteriore rispetto alle modifiche di cui al DLgs. 175/2014.

Nel caso in esame l’Agenzia delle Entrate aveva irrogato al cedente la sanzione amministrativa proporzionale dal 100% al 200% dell’imposta prevista dall’art. 7 comma 4-bis del DLgs. 471/97 nella versione applicabile ratione temporis.
Confermando quanto sancito dai giudici di primo grado (C.T. Prov. Milano ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU