Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Dal 2020 in vigore il regime del «call-off stock» Ue

Il legislatore nazionale dovrà recepire le nuove disposizioni entro il 2019

/ Simonetta LA GRUTTA

Mercoledì, 15 maggio 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

A partire dal 1° gennaio 2020, muterà parzialmente il regime IVA che regola le operazioni intra-Ue di beni in esecuzione di accordi di “call-off stock”, generalmente denominato nel nostro ordinamento “consignment stock”.
La modifica discende dall’armonizzazione nella Ue delle disposizioni che regolano la fattispecie in parola ad opera della direttiva 2018/1910/Ue del 4 dicembre 2018 che ha inserito nella direttiva 2006/112/Ce l’art. 17-bis i cui principi dovranno essere recepiti nel DL 331/93 entro la fine del 2019.

In termini generali, con l’accordo di call-off stock, il fornitore invia uno stock di beni propri ad un altro soggetto passivo, pur restandone proprietario fintantoché quest’ultimo non li “prelevi” dallo stock per ragioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU