X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Servizi finanziari resi a soggetti stabiliti nell’Ue senza pro rata

/ Luca BILANCINI

Lunedì, 10 giugno 2019

I servizi finanziari resi nei confronti di soggetti passivi stabiliti in altro Stato membro dell’Unione europea non rilevano ai fini IVA in Italia, in quanto rientranti nel campo di applicazione dell’imposta nello Stato in cui è stabilito il committente, in forza del criterio generale stabilito dall’art. 7-ter del DPR 633/72.

Con riferimento agli adempimenti relativi alla fatturazione, occorre ricordare che l’emissione del documento non è obbligatoria ai sensi dell’art. 21 comma 6-bis del DPR 633/72, il quale dispone che devono emettere fattura i soggetti passivi con riferimento alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi “diverse da quelle di cui all’art. 10 nn. da 1) a 4) e 9) del DPR 633/72, effettuati nei confronti di un soggetto passivo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU