X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La nuova Convenzione Italia-Cina ripropone la stabile organizzazione di servizi

L’ipotesi è integrata se l’attività si protrae per oltre 183 giorni nel corso di 12 mesi

/ Paolo ARGINELLI e Mario TENORE

Lunedì, 17 giugno 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Proseguendo l’esame della Convenzione contro le doppie imposizioni Italia-Cina (si veda “Nuova Convenzione Italia-Cina contro le doppie imposizioni sul reddito” del 15 giugno 2019) si sottolinea che l’art. 5, recante la definizione di stabile organizzazione, include tre disposizioni che derogano alla normale prassi convenzionale italiana.

Il comma 3, lett. b) ripropone l’ipotesi della stabile organizzazione di servizi (analogamente all’art. 5, comma 2, lett. h) della Convenzione in vigore), la quale si ritiene integrata in caso di prestazioni di servizi, compresi i servizi di consulenza, effettuati da un’impresa per mezzo di dipendenti o di altro personale, purché le attività di tale natura si protraggano (per lo stesso progetto o per un progetto collegato) ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU