X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Avvio del processo telematico con nuove responsabilità per i difensori

Conseguenze per l’attestazione di conformità dei documenti consegnati dai clienti

/ Caterina MONTELEONE

Lunedì, 24 giugno 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel processo tributario il difensore è chiamato ad attestare, previa sottoscrizione, la conformità dell’atto depositato rispetto a quello consegnato o spedito, secondo quanto previsto con l’art. 22 comma 3 del DLgs. 546/92 a mente del quale “in caso di consegna o spedizione a mezzo di servizio postale la conformità dell’atto depositato a quello consegnato o spedito è attestata conforme dallo stesso ricorrente. Se l’atto depositato nella segreteria della commissione non è conforme a quello consegnato o spedito alla parte nei cui confronti il ricorso è proposto, il ricorso è inammissibile e si applica il comma precedente”.
Tale attestazione, ovviamente, non è necessaria nel caso in cui la notifica sia stata curata dagli ufficiali giudiziari, in considerazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU