X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le Casse professionali decidono sul saldo e stralcio

Serve la delibera della Cassa da inviare all’Agenzia delle Entrate-Riscossione

/ Alfio CISSELLO

Lunedì, 24 giugno 2019

Col Ddl. di conversione del decreto “crescita” (DL 34/2019), approvato venerdì dalla Camera e domani all’esame del Senato, sono state apportate alcune modifiche al saldo e stralcio.

Non solo è stato postergato, dal 30 aprile al 31 luglio, il termine per la presentazione della domanda ad Agenzia delle Entrate-Riscossione, ma è stato risolto il problema relativo ai debiti delle Casse di previdenza professionale, in modo da salvaguardare l’autonomia di queste ultime.

Se la modifica è senz’altro condivisibile in ragione della menzionata autonomia delle Casse, essa finisce con il continuare a pregiudicare gli altri enti che, loro malgrado, devono “subire” gli effetti non del saldo e stralcio (circoscritto ai debiti IRPEF, IVA e IRAP) ma della rottamazione

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU