X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

IL PUNTO / IAS

Per i soggetti IAS adopter gli obblighi di ripristino generano un costo fiscale

Da tale costo dovrebbero scaturire ammortamenti ovvero costi deducibili e fondi dedotti

/ Guerino RUSSETTI

Lunedì, 17 giugno 2019

Nei contratti in cui un soggetto ha la temporanea disponibilità di beni altrui è sovente imposto all’utilizzatore l’obbligo di ripristinare/mantenere i beni detenuti nella originaria funzionalità; in verità, un vincolo di ripristino/smantellamento può gravare anche per beni di proprietà, quando sia particolarmente onerosa la rimozione del bene ovvero una volta rimosso il bene stesso, al termine dell’utilizzo, sia previsto un obbligo di bonificare l’area sottostante o, più in generale, di ristabilire le originarie condizioni dell’area.

Il soggetto IAS adopter, gravato dagli obblighi in parola, effettua opportuni accantonamenti a un fondo oneri/spese, al fine di dare evidenza della passività generata dagli obblighi di cui si tratta, in generale secondo le regole dello ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU