X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 8 dicembre 2019

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Utile da liquidazione con natura «ibrida»

Si applica, però, l’art. 10 del modello OCSE anche per la parte che costituisce plusvalenza

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 10 luglio 2019

La liquidazione di società estere partecipate da società italiane muove da presupposti in parte diversi rispetto alle situazioni, esaminate su Eutekne.info (si veda “Liquidazione di società estere con reddito «a strati»” del 26 giugno), in cui i soci sono persone fisiche non imprenditori.

La prima questione attiene alla natura del reddito: mentre, infatti, per i soci non imprenditori l’utile da liquidazione ha sempre natura di reddito di capitale, se il socio è una società ci si deve rifare all’art. 86 comma 5-bis del TUIR, secondo cui nelle ipotesi previste dall’art. 47 commi 5 e 7 (e la liquidazione vi rientra), costituisce plusvalenza (e non utile) la differenza tra le somme o il valore normale dei beni ricevuti a titolo di ripartizione del capitale e delle riserve ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU