X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 25 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Sequestrabile il ramo d’azienda ceduto in modo fraudolento

Per la Cassazione il cessionario non può essere considerato «estraneo al reato» se è accertata la sua consapevolezza della fraudolenza del negozio

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 10 luglio 2019

Il profitto confiscabile, anche nelle forme per equivalente, del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, di cui all’art. 11 del DLgs. 74/2000, va individuato nella riduzione simulata o fraudolenta del patrimonio su cui il Fisco ha diritto di soddisfarsi e, quindi, nella somma di denaro la cui sottrazione all’Erario viene perseguita, non importa se con esito favorevole o meno, attesa la struttura di pericolo del reato (così, testualmente, Cass. SS.UU. n. 10561/2014).
Il profitto può essere costituito anche dalla somma di denaro ottenuta dal reinvestimento dei beni sottratti.

Se da un lato i beni che si trovano nella disponibilità del terzo estraneo al reato non sono confiscabili, ai sensi dell’art. 12-bis del DLgs. 74/2000 (“è sempre ordinata la confisca ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU