X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 6 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Imprese agricole «miste» con detrazione IVA anche su acquisti promiscui

/ Corinna COSENTINO

Martedì, 16 luglio 2019

I produttori agricoli che, nell’ambito della stessa impresa, effettuano sia cessioni di prodotti agricoli o ittici soggette al regime IVA speciale, sia operazioni imponibili diverse da queste ultime, in via occasionale, applicano, in linea generale, la disciplina della c.d. “impresa mista”, dettata dall’art. 34 comma 5 del DPR 633/72, che impone di determinare in modo analitico la detrazione dell’imposta relativa alle operazioni “non agricole”. È il caso, ad esempio, delle imprese che effettuano, parallelamente all’attività agricola principale, cessioni di prodotti agricoli non compresi nella Tabella A, parte I, allegata al DPR 633/72 (vendita di carni bovine e suine, di concimi, ecc.), o che si limitano alla mera commercializzazione di prodotti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU