X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

IVA versata in eccesso recuperabile sui futuri versamenti da split payment

L’Agenzia delle Entrate chiarisce cosa avviene se il fornitore non può più emettere la nota di credito

/ Mirco GAZZERA

Mercoledì, 17 luglio 2019

Se il fornitore ha applicato all’operazione un’aliquota IVA superiore a quella corretta e non è più possibile emettere la nota di variazione in diminuzione, il cessionario o committente destinatario del meccanismo dello split payment può recuperare gli importi versati in eccesso all’Erario scomputandoli dai futuri versamenti dovuti in base al predetto regime. Si tratta del principale chiarimento fornito dall’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 243 pubblicata ieri, 16 luglio 2019.

Nel caso esaminato, il fornitore aveva erroneamente assoggettato all’aliquota IVA del 10%, anziché del 4%, il servizio di ristorazione erogato presso la sede di un dipartimento. Tenuto conto del limite annuale dall’effettuazione dell’operazione previsto dall’art.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU