X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 6 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per i sindaci non revisori rischio antiriciclaggio molto basso

In società non coincidenti con soggetti obbligati basta acquisire e conservare il verbale di nomina

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 17 luglio 2019

Il DLgs. 90/2017 – nell’elencazione dei soggetti tenuti al rispetto degli obblighi antiriciclaggio, collocata nel nuovo art. 3 del DLgs. 231/2007 – “non” ha confermato l’esonero dei componenti degli organi di controllo, comunque denominati, di soggetti “non destinatari” degli obblighi antiriciclaggio; fermo restando l’obbligo di procedere a specifiche comunicazioni in capo ai componenti di tali organi presso i soggetti “destinatari” del DLgs. 231/2007, quale riflesso dell’obbligo di vigilanza sull’osservanza anche delle norme in esso contenute (obbligo di comunicazione che passa dall’art. 52 all’art. 46 del DLgs. 231/2007).

In conseguenza di tale silenzio, si era sottolineato come gli obblighi antiriciclaggio avrebbero ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU