X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 14 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La cancellazione d’ufficio della società è solo una presunzione

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 17 luglio 2019

Ai sensi dell’art. 2490 comma 6 c.c., qualora per oltre tre anni consecutivi non venga depositato il bilancio annuale di liquidazione, la società è cancellata d’ufficio dal Registro delle imprese con gli effetti previsti dall’art. 2495 c.c. (in tema di cancellazione/estinzione in esito al procedimento di liquidazione).

Secondo il Tribunale di Roma 17 novembre 2015, la finalità della disposizione sulla cancellazione d’ufficio risiederebbe nell’interesse di natura pubblicistica all’eliminazione delle società non più operanti da tempo, la cui inerzia costituisce sintomo di estinzione.
Di conseguenza, a fronte di un’istanza di annullamento dell’iscrizione di tale cancellazione da parte della società cancellata nessun rilievo era attribuito al fatto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU