X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Impairment test con regole differenziate a seconda delle attività

/ Alessandro SAVOIA

Sabato, 20 luglio 2019

Il procedimento dell’impairment test è stato disciplinato originariamente dalla prassi contabile internazionale nell’ambito dello IAS 36, che è diventato nel tempo modello di riferimento, nelle sue definizioni e metodologie applicative, nell’implementazione della prassi contabile nazionale.
Il procedimento prevede, in estrema sintesi, che un’attività non possa essere iscritta nell’attivo dello Stato patrimoniale a un valore contabile superiore al suo valore recuperabile, inteso come il più elevato tra il suo fair value, al netto degli oneri di vendita, e il suo valore d’uso.

Con il concetto di fair value si intende il prezzo che si percepirebbe per la vendita di un’attività ovvero che si pagherebbe per il trasferimento di una passività in una regolare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU