X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Le fatture false legittimano la presunzione di maggiori ricavi

Il DL n. 16/2012, però, entro certi limiti impedisce di tassare ricavi non conseguiti

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 18 luglio 2019

Ieri, con la sentenza n. 19191, la Corte di Cassazione ha ribadito che, in presenza di determinate circostanze, l’emissione di fatture per operazioni inesistenti lascia supporre il conseguimento di ricavi di pari entità.

Nel caso di specie, tuttavia, grazie all’omessa dichiarazione erano presenti i requisiti per la determinazione induttiva pura del reddito ai sensi dell’art. 39 comma 2 del DPR 600/73, dunque tale determinazione poteva avvenire mediante presunzioni supersemplici, o semplicissime, prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza.

È vero, precisano i giudici, che il sistema delle imposte sui redditi non contempla alcuna imputazione oggettiva di un maggior reddito, a differenza dell’IVA, in cui, ex art. 21 comma 7 del DPR 633/72, l’imposta addebitata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU