X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 novembre 2019

FISCO

L’expat co.co.co. non paga le imposte in Italia

Si applicano, per le collaborazioni coordinate e continuative, le regole previste dalle Convenzioni per il lavoro dipendente

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 19 luglio 2019

La risposta a interpello n. 271 di ieri, 18 luglio 2019, evidenzia alcuni aspetti peculiari sul lavoro svolto all’estero dagli expat. Il caso evidenziato, non raro nella prassi, è quello di un soggetto che vive e lavora in uno Stato estero (Danimarca), ha residenza fiscale in tale Stato, ma mantiene un rapporto con una società italiana, per la quale effettua prestazioni di collaborazione coordinata e continuativa.

La corretta ricostruzione effettuata dall’Agenzia delle Entrate va nel senso di considerare questi compensi di regola non imponibili in Italia, in base alle regole convenzionali conformi al modello OCSE.

Per inquadrare la problematica va ricordato che i proventi da collaborazione coordinata e continuativa, inquadrati tra i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU