X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’ampliamento dell’edilizia libera non modifica la detraibilità degli interventi

Il miglioramento dei servizi igienici, pur non necessitando di alcuna comunicazione urbanistica, è un intervento di manutenzione straordinaria

/ Stefano SPINA

Sabato, 20 luglio 2019

La risposta n. 287 dell’Agenzia delle Entrate di ieri effettua un interessante approfondimento sulla separazione, ai fini dell’ottenimento della detrazione per le spese di ristrutturazione, tra la tipologia di intervento effettuato (nella fattispecie ristrutturazione ordinaria piuttosto che straordinaria) e obblighi di comunicazione o autorizzazione dell’intervento stesso dal punto di vista urbanistico.

Occorre innanzitutto premettere che l’art. 16-bis del TUIR, in tema di detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, gradua la possibilità di fruire dell’agevolazione in base al tipo di intervento posto in essere. Infatti, nel caso di spese sostenute sulle singole unità immobiliari residenziali, indipendentemente dalla categoria catastale, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU