X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente regole sui frontalieri nell’impiego pubblico

Secondo l’Agenzia vale il principio di tassazione esclusiva nello Stato che eroga le remunerazioni

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Sabato, 20 luglio 2019

La risposta a interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 281 di ieri, 19 luglio 2019, individua il trattamento impositivo dei redditi percepiti, a fronte della prestazione di insegnante di musica in Italia, da parte di un residente in Austria che ha un figlio a carico e lavora alle dipendenze della Provincia Autonoma di Bolzano.

L’Agenzia osserva che l’art. 15, paragrafo 1 della Convenzione Italia-Austria, avente a oggetto le remunerazioni per il lavoro dipendente prestato nell’ambito di un rapporto di lavoro privato, esclude dal proprio ambito applicativo quelle “pagate da uno Stato contraente o da un suo ente locale” in corrispettivo di servizi resi a tali enti. Nello specifico, pur trattandosi di una persona fisica residente in Austria nei pressi della frontiera ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU