X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Cessione di partecipazioni rivalutate elusiva anche se solo in parte circolare

Le Entrate sembrano però non considerare che, senza perfetta identità delle compagini sociali, cade l’equiparazione alla distribuzione di dividendi

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 24 luglio 2019

La cessione da parte di una persona fisica di una partecipazione di cui ha precedentemente rivalutato il costo fiscale (ai sensi dell’art. 5 della L. n. 448/2001, più e più volte prorogato o richiamato da successive disposizioni aventi medesimo oggetto e finalità) costituisce un’operazione suscettibile di generare un vantaggio fiscale indebito se il cessionario è una società su cui il cedente è in grado di esercitare un sostanziale controllo. Questo è quanto si ricava dal Principio di diritto n. 20 pubblicato ieri dall’Agenzia delle Entrate.

Nello specifico, la statuizione di principio riguarda un caso in cui i quattro soci della target cedono le partecipazioni rivalutate a una società veicolo partecipata da uno dei quattro soci cedenti e dai suoi due figli, relativamente alla ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU