X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il cedente inconsapevole della truffa subita può recuperare l’IVA

Se è decorso il termine per la nota di variazione resta possibile presentare la domanda di restituzione

/ Mirco GAZZERA e Salvatore SANNA

Giovedì, 8 agosto 2019

Qualora la cessione dei beni sia da considerare nulla, in quanto derivante da una truffa, il cedente che ha subito la frode può recuperare l’IVA mediante l’emissione di note di variazione in diminuzione, se non sapeva o non poteva ragionevolmente sapere di tale situazione. Si tratta del principale chiarimento fornito nella risposta a interpello Agenzia delle Entrate n. 331 pubblicata ieri, 7 agosto 2019.

Nel caso esaminato, una società era stata vittima di una truffa posta in essere da un dipendente di un’altra società legata alla prima da un rapporto di agenzia. Il dipendente aveva sia predisposto ordini di acquisto per merce mai richiesta dai clienti e destinata a essere dirottata in luoghi a sua disposizione per la successiva vendita “in nero” a terzi, sia ordinato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU