X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

In materia contributiva estratto di ruolo non impugnabile in via autonoma

Ciò vale, però, solo se il titolo esecutivo stragiudiziale è stato regolarmente notificato

/ Silvano IMBRIACI

Mercoledì, 28 agosto 2019

Ai fini della riscossione dei contributi e dei premi dovuti agli enti pubblici previdenziali, il DLgs. 46/99 (artt. 24 e ss.) prevede espressamente l’iscrizione a ruolo, atto formato dall’ente impositore e successivamente trasmesso al soggetto incaricato della riscossione (oggi, l’Agenzia delle Entrate), che provvede ad incardinare il credito in una cartella di pagamento, a notificare quest’ultima nonché a svolgere l’attività esecutiva conseguente.

Esclusivamente con riferimento alle entrate dell’INPS, dal 1° gennaio 2011 l’attività di riscossione è preceduta dalla notifica di un avviso di addebito con valore di titolo esecutivo (art. 30 comma 1 del DL 78/2010 – conv. in L. 122/2010; cfr. circ. INPS n. 168/2010); tale avviso viene notificato al debitore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU