X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La Cassazione detta le linee sulla «prova di resistenza»

Il contraddittorio sarebbe servito per rideterminare l’imponibile

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Lunedì, 26 agosto 2019

È nullo l’avviso di accertamento a tavolino IVA se il contribuente allega in giudizio documentazione contabile che, ove il contraddittorio preventivo si fosse svolto, avrebbe potuto produrre già in fase istruttoria per favorire un esito diverso della verifica. È questo il principio desumibile dalla lettura della sentenza n. 20747 depositata dalla Cassazione il 1° agosto scorso, in cui viene a delinearsi un caso di superamento della c.d. prova di resistenza e di conseguente annullamento dell’atto per violazione del contraddittorio preventivo.

Il caso oggetto della sentenza riguardava un avviso di accertamento induttivo notificato a una persona fisica a seguito dell’omessa compilazione della sezione dedicata all’IVA nell’ambito del modello UNICO (la parte relativa

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU