X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

L’autoriciclaggio entra nella truffa dei diamanti

Irrilevante il fatto che i nuovi acquisti, effettuati con il provento della truffa, risultino dal bilancio

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 12 settembre 2019

La Cassazione, nella sentenza n. 37606, depositata ieri, ha stabilito che è configurabile il reato di autoriciclaggio (ex art. 648-ter.1 c.p.) nella condotta dell’amministratore di fatto di una società che, dopo aver truffato taluni soggetti, vendendo loro diamanti ad un prezzo superiore al loro valore, per il tramite di informazioni fasulle su questo profilo e sulle modalità dell’investimento, reimpiega il profitto di tale reato (presupposto) nell’attività imprenditoriale della società, acquistando da società estere altri diamanti in funzione della loro successiva rivendita.
Nessuna rilevanza, rispetto a tali condotte, è da attribuire al fatto che le operazioni di acquisto di nuovi diamanti con il profitto della truffa si presenti “tracciabile”, perché risultanti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU