X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 6 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

I sindacati chiedono un provvedimento d’urgenza sugli ISA

Ieri le associazioni hanno spiegato le motivazioni dello sciopero: «Un atto di disobbedienza civile» a cui potrebbero seguire altre astensioni

/ Savino GALLO

Martedì, 24 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La decisione di attuare lo sciopero attraverso il mancato pagamento dei soli F24 degli stessi professionisti che aderiranno e con l’astensione dalle udienze nelle Commissioni tributarie è un atto di “disobbedienza civile” il cui fine “non è quello di creare nocumento allo Stato”, ma di far comprendere il disagio di professionisti e contribuenti dinanzi alla costante violazione dei principi contenuti nello Statuto del contribuente e l’esasperazione prodotta dalla recente introduzione dei nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale.

Così i rappresentanti delle nove sigle sindacali (ADC, AIDC, ANC, ANDOC, FIDDOC, SIC, UNAGRACO, UNGDCEC e UNICO), che hanno indetto il primo sciopero nazionale di categoria hanno spiegato le ragioni dell’iniziativa, nel

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU