X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Regime delle registrazioni anche per le operazioni straordinarie

/ Gianluca ODETTO

Martedì, 1 ottobre 2019

L’adozione del c.d. “regime delle registrazioni” (art. 18, comma 5 del DPR 600/73) pone alcune questioni di non immediata soluzione nel momento in cui l’impresa individuale, o la società di persone, pongono in essere operazioni straordinarie.
Queste operazioni, infatti, sono suscettibili di frazionare l’esercizio sociale in due periodi d’imposta, per cui si pone il problema di stabilire se i principi che regolano questo regime continuino o meno ad esplicare efficacia.

In termini generali, il regime delle registrazioni opera per singoli periodi d’imposta, per cui ciò che viene annotato sui registri IVA in un dato periodo d’imposta rileva ai fini fiscali, indipendentemente dal momento di effettuazione dell’operazione (attiva o passiva) e dal

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU